L’arredamento cucine classiche atipiche è molto particolare e richiede una progettazione attenta per trovare la soluzione adatta a problemi dovuti a scarsa luminosità, poco spazio, ecc.

È necessario pianificare prima degli acquisti, quali sono gli elementi e le decorazioni idonee a ottimizzare l’utilizzo degli spazi e a rendere più accogliente questa zona della casa.

Arredare una cucina piccola

È consigliabile acquistare mobili di diversa altezza e profondità per utilizzare ogni minimo angolo e giocare con i volumi. Sono da preferire elementi arredo con cassetti o cassettiere che consentono di avere a portata di mano tutti gli utensili. Inoltre, meglio cercare arredi dai colori caldi anziché freddi per rallegrare e ingrandire lo spazio.

 

 

CLICCA QUI PER INFORMAZIONI SULLA TUA NUOVA CUCINA CLASSICA

(e guardare gli ultimi saldi/svendite)

 

Interno cucina sovraccarico di oggetti

In questo caso occorre destreggiarsi tra elementi in vetro e ripiani per alleggerire l’atmosfera. È da preferire una cucina di un colore unico, piuttosto che una cucina bicolore. L’obiettivo è quello di mostrare tutti i tuoi oggetti. Infine, puoi evitare di trascorrere tutte le domeniche a fare le pulizie riducendo il numero di oggetti decorativi in bella mostra.

Arredare una cucina asimmetrica

Una cucina asimmetrica può essere avvantaggiata dall’utilizzo di specchi, in particolare sul lato piano di lavoro. Gli specchi danno ampiezza alla stanza e riempiono gli spazi asimmetrici. Esistono anche molte soluzioni pensate per arredare con efficacia i punti ciechi, come i mobili bassi con apertura scorrevole.

Poca luminosità nella zona cucina

È preferibile optare per una cucina con le pareti chiare che catturano la luce. È una soluzione valida adottare diverse fonti luminose per contribuire alla decorazione dell’ambiente e pensare a inserire illuminazioni integrate nei mobili bassi. Si possono impiegare vernici brillanti che hanno un effetto a specchio. Abbinate a un’altra finitura creano luminosità.

Avere una cucina ecologica

Oltre ai materiali biodegradabili che possono essere facilmente integrati in qualsiasi cucina, si possono installare dei rubinetti a doccia estraibile per il lavello. I rifiuti saranno collocati all’interno del mobile sotto il lavello, grazie a un sistema di smistamento incorporato.

Rivestimenti da parete multifunzione

Collocare un rivestimento da parete tra il piano di lavoro e i mobili alti è una scelta funzionale, in quanto protegge le pareti dagli schizzi, spruzzi d’acqua e macchie di grasso. Esistono vari tipi di rivestimenti da parete con tinte e materiali diversi, oltre a modalità differenti per sistemarli. Un rivestimento da parete può occupare l’intera superficie oppure può coprire solo una parte della superficie, per un effetto decorativo. Non c’è nulla di meglio per personalizzare l’arredamento della cucina. I materiali da utilizzare sono di vario tipo, tra cui acciaio inox, legno trattato, vetro, alluminio, materiali laccati di tutti i colori, ecc. Applicare una vernice di colore diverso rispetto al resto dell’ambiente può dare personalità alla cucina. Potrebbe essere un’idea simpatica installare una lavagna per scrivere memo e ricette di cucina. Inoltre c’è un modo per risparmiare spazio sul piano di lavoro ed è quello di appendere dei ganci a un supporto metallico, per avere a portata di mano tutti gli utensili da cucina. Ci sono soluzioni per tutte le tasche e per tutti gli stili. Ad esempio un rivestimento in pietra per uno stile rustico oppure disegni colorati per uno stile pop.

Disposizioni ideali per cucine atipiche

Ci sono due disposizioni principali per la cucina: la cucina a L e la cucina a U. La cucina a forma di L ha un aspetto pratico, in quanto offre uno spazio per riporre oggetti e conservare alimenti ed è adatta a mobili ad angolo da installare in modo semplice. La cucina a forma di U ha altri vantaggi. È una cucina solitamente più facile da vivere per la sua generosa superficie e dà una sensazione di spaziosità e di apertura verso le altre stanze. È proprio per questa particolare disposizione che si possono inserire vari mobili o un tavolo, ad esempio, al suo centro.

Una cappa per ogni cucina

La cappa a cassetto è discreta e può essere integrata direttamente in un mobile. È invisibile e pratica con un pannello di controllo a vista. Se si desidera avere un elemento che dia carattere alla cucina, si può scegliere una cappa decorativa. La cappa decorativa si fissa alla parete, sopra la zona cottura. La forma della cappa è di varie tipologie come a trapezio, a mezzaluna, triangolo, ecc. Può essere posizionata anche in un angolo della cucina. Sono disponibili sul mercato le cappe da piano, installate direttamente nel piano di lavoro, dietro il piano di cottura o a fianco del piano di cottura. Garantiscono comfort e utilizzo intuitivo. La cappa da piano assorbe le emissioni di grassi e gli odori, prima che questi ultimi abbiano avuto il tempo di salire e di diffondersi nella cucina.

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo oppure lasciaci un commento.