L’arredamento per cucina è un acquisto importante e fondamentale per l’aspetto della casa e regala una speciale atmosfera accogliente a un ambiente vissuto quotidianamente.

I consigli di un esperto possono essere molto utili e qui di seguito trovate alcune dritte per l’arredo di una cucina aperta.

Quali sono gli aspetti importanti di un arredo cucina

In primo luogo, occorre pensare ad utilizzare materiali adatti alla pulizia della cucina. Un pavimento lucidato o le piastrelle porose creano presto delle difficoltà per la ripulitura, la stessa cosa si può dire di una vernice opaca che si coprirà di macchie rapidamente. Si deve anche ricordare che una cucina aperta richiede più attenzione nella pulizia, nella gestione degli odori con una cappa efficiente. Se è possibile, è meglio investire nella qualità degli apparecchi e, soprattutto, non devono essere rumorosi.

 

 

CLICCA QUI PER VEDERE TUTTE LE CUCINE

(e contattare per gli ultimi saldi/svendite)

 

Quali sono gli errori da non commettere

Bisogna evitare a tutti i costi di trasformare il soggiorno in cucina. Essendo una cucina aperta, non devono risultare visibili dal divano le pentole, le confezioni di alimenti o il robot multifunzione. L’organizzazione della cucina aperta può far commettere gli errori più comuni.

Come organizzare lo spazio per ottimizzarlo al meglio

È essenziale rispettare il triangolo funzionale attorno a cui si articola la preparazione degli alimenti, la cottura e il lavaggio. Sarà da prevedere lo spazio sufficiente per lavorare comodamente e organizzarsi in modo pratico. Il mobile con le stoviglie si troverà vicino allo spazio lavaggio e ai condimenti, accanto alla zona di cottura. In breve, è necessario organizzare la cucina per avere ciò che si utilizza più di frequente a portata di mano e riporre ciò che serve solo qualche volta. È da evitare, ad esempio, che il robot multifunzione occupi tutto lo spazio sul piano di lavoro, mentre viene utilizzato solo una volta al mese per le verdure.

Consigli per equilibrare due spazi distinti: cucina e soggiorno

È necessario che la cucina sia in secondo piano e non sia il punto focale del soggiorno. Si può utilizzare un divisorio leggero e mobile (un pannello scorrevole o pieghevole, tende, persiane,un paravento giapponese) per poter aprire e chiudere lo spazio cucina a seconda del momento della giornata. La zona cucina è aperta durante i pasti, mentre è chiusa nei momenti di relax nella zona soggiorno. Un altro punto importante è la decisione sui colori e sulla gestione della luce.

Illuminazione della cucina

È importante pensare a adottare tre tipi di illuminazione in una cucina. L’illuminazione funzionale, di solito posizionata sotto i mobili alti, consente di avere un buon comfort per la preparazione in cucina. L’illuminazione dell’ambiente, con una plafoniera o faretti da incasso a soffitto, aiuta ad avere più luminosità in quest’area della casa. L’illuminazione decorativa contribuisce a dare maggiore personalità alla cucina. Esempi di illuminazione decorativa sono le applique, le lampade da parete e le lampade sospese.

Trucchi per cucine disordinate

Occorre pensare a utilizzare alcuni trucchi per mimetizzare il lavello, una tendina colorata sul piano di lavoro per dissimulare gli elettrodomestici o il bollitore, il tostapane e la macchina per il caffè per la colazione.

Rivestimento cucina e soggiorno simili o diversi

È meglio evitare rivestimenti diversi per la cucina e il soggiorno per assicurare unità visiva tra la zona cucina e il resto dell’ambiente. Solitamente, i pavimenti in ceramica devono essere riservati alle zone della casa in cui possono esserci schizzi d’acqua o di grasso intorno alla zona lavello e alle piastre e/o al forno. Se sono presenti pavimenti in parquet nella zona cucina, è meglio optare per una finitura poco sporchevole. Se scegliete le piastrelle, assicuratevi che siano abbinate bene con il rivestimento del soggiorno, sia nel colore sia nella geometria.

La cucina aperta è adatta a voi

La cucina aperta è adatta a voi, se siete inguaribilmente loquaci e per voi conversare è vitale come il cibo. Questo tipo di cucina è stata progettata per voi. L’assenza di divisioni vi garantisce molte ore di dialogo, durante la preparazione dei piatti. La cucina aperta è la possibilità di avere tutto a portata di mano e allo stesso tempo di mostrare al pubblico il proprio talento. Le mamme che desiderano avere sempre nelle vicinanze i propri figli, preferiscono una dinamica conviviale nel momento della preparazione dei pasti. È meglio evitare la cucina aperta se desiderate che ciò che accade in cucina, rimanga in cucina. Se gli odori della cucina vi danno fastidio, una cucina aperta con un paravento non è abbastanza per limitare questo problema. Amate l’effetto sorpresa, quindi il fatto di condividere con altri i segreti delle vostre ricette non vi entusiasma e la cucina aperta non è la giusta opzione. È essenziale avere le idee chiare sui propri desideri, prima di acquistare gli arredi per la cucina.

Hai trovato utile questo articolo? Condividilo oppure lascia un commento.